Domanda:
Perché Ennio Morricone ha scritto la colonna sonora di "The Thing" (1982) invece di John Carpenter?
Napoleon Wilson
2011-12-02 22:46:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

C'è qualcosa che ho sempre trovato strano nella colonna sonora della versione del 1982 di "The Thing" di John Carpenter. Ha una colonna sonora di sintetizzatore molto suggestiva e adatta, che è davvero molto simile a Carpenter. Ma in realtà la colonna sonora di questo film non è stata realizzata dallo stesso John Carpenter (anche se lo fa spesso), ma da Ennio Morricone, un altro famoso compositore di colonne sonore, ma che personalmente non metterei in relazione con una tale colonna sonora.

Allora perché un compositore di colonne sonore così famoso come Morricone ha realizzato una colonna sonora così atipica per lui ma in realtà più tipica di Carpenter, che in effetti spesso realizza lui stesso le colonne sonore dei suoi film? C'è qualche interessante retroscena dietro questa stranezza o era solo il solito lavoro?

La colonna sonora di "C'era una volta il west" suona molto simile alla colonna sonora del "live Soprattutto il motivo del personaggio di Charles Bronson
Non è * così * strano che Ennio abbia fatto un film come questo considerando che ha anche fatto la musica per il film giallo-horror del 1974 [Autopsy] (https://en.wikipedia.org/wiki/Macchie_solari). Ha fatto qualcosa di strano. (Questa è una modifica dopo che mi sono reso conto che hai chiesto dello stile musicale, non dello stile o del genere del film. Tuttavia, è una bella curiosità e una colonna sonora (Autopsia) mi piace molto.)
Tre risposte:
#1
+26
Bil Simser
2011-12-08 03:38:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Carpenter ha scoperto di essere troppo impegnato con le riprese di The Thing (principalmente a causa delle riprese in esterni ma anche della post-produzione) e ha ceduto i compiti a qualcun altro. Ha anche affermato che voleva davvero lavorare con Morricone perché era un grande fan.

Per quanto riguarda il motivo per cui la colonna sonora suonava molto simile alla sua, Morricone ha detto che voleva far sembrare che fosse un John Carpenter film. Carpenter è arrivato al punto di dire a Morricone di "non fare tante note" e di renderlo "più semplice e inquietante". Dopo aver messo insieme alcune selezioni per Carpenter, ne scelse una che somigliava per lo più alle sue composizioni e che divenne la base per il tema principale.

Riferimenti:

#2
+7
Wad Cheber stands with Monica
2015-07-06 06:56:50 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Piuttosto convenientemente, il produttore Stuart Cohen ha un blog dedicato alla sua esperienza mentre lavorava a The Thing e include una voce sulla colonna sonora.

In un mondo perfetto, con tempo e risorse illimitati, penso che John avrebbe preferito comporre la musica per THE THING da solo. La realtà del lavoro ancora da fare, tuttavia, combinata con la necessità di un approccio più ampio e stratificato alla colonna sonora ci ha portato a considerare altre opzioni. Inizialmente abbiamo offerto il film a Jerry Goldsmith che non era disponibile, facendo sia POLTERGEIST che TWILIGHT ZONE per Spielberg. La disponibilità sul musicista John Corigliano (ALTERATI STATI) è stata verificata. Il leggendario Alex North ha letto la sceneggiatura, aveva idee e voleva incontrarsi, ma a quel punto ho sentito che l'unico compositore che John avrebbe affidato il suo film a se stesso era Ennio Morricone.

Il film era tutt'altro che completo o coerente - John stava ancora girando a Stewart, quindi il film mancava della maggior parte delle scene esterne e di quasi tutti gli effetti speciali, tranne il canile. Morricone si lamentava della mancanza di continuità (normalmente non avremmo girato un film per nessun compositore in questa forma, e con il regista non presente, ma non abbiamo avuto il lusso del tempo - dovevamo assicurarci il suo impegno, e siamo stati cercando di incunearci nel suo programma) ma convenne che se dovessimo andare da lui a Roma "vedrebbe cosa può fare".

I dubbi furono definitivamente fugati due mesi dopo, quando Morricone aprì la sua valigia lacera e rimosse una bobina di nastro da due pollici contenente l'ormai emblematico tema del "battito cardiaco". Quando lo sentimmo per la prima volta nella cabina di registrazione della Universal, guardai John, la cui espressione era inizialmente di sollievo, seguita da qualcosa di vicino allo stupore ... sembrava che Morricone avesse capito perfettamente John. Alla sessione di registrazione orchestrale del giorno successivo, ricordo John che arrivò tardi e si sedette timidamente in fondo, un osservatore per la prima volta mentre Morricone registrava il resto della musica per il suo film. Essendo stato registrato in grandi pennellate di suono, c'era ancora la necessità di segnali di transizione e suspense più specifici che John, insieme al suo partner, Alan Howarth, fornirono allora.

Quindi, fondamentalmente, Carpenter aveva già troppe cose da fare e fu costretto a cedere la responsabilità della partitura a un compositore esterno. L'unica persona di cui Carpenter si fidava con il suo bambino era Ennio Morricone. Alla fine, tutti se ne andarono felici.

Aggiornamento: ho trovato una citazione dello stesso Ennio Morricone:

Riguardo a The Thing, di John Carpenter, gli ho chiesto, mentre stava preparando della musica elettronica con un assistente per il montaggio del film, "Perché mi hai chiamato, se vuoi farlo da solo?" Mi ha sorpreso, ha detto: "Mi sono sposato con la tua musica. È per questo che ti ho chiamato." Sono rimasto piuttosto sorpreso, mi ha chiamato perché aveva la mia musica al suo matrimonio. Poi quando mi ha mostrato il film, più tardi quando ho scritto la musica, non ci siamo scambiati idee. È scappato, quasi vergognandosi di mostrarmelo. Ho scritto la musica da solo senza il suo consiglio. Naturalmente, essendo diventato abbastanza intelligente dal 1982, ho scritto diverse partiture relative alla mia vita. E ne avevo scritto uno, che era musica elettronica. E [Carpenter] ha preso la partitura elettronica.

#3
  0
MacKrazy
2014-02-17 13:16:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In una recente intervista che ho visto con Carpenter, ha detto che la Universal non gli avrebbe permesso di fare la colonna sonora, ma ha avuto la possibilità di lavorare con Morricone, di cui era un grande fan. È una grande testimonianza dell'abilità di Morricone creare una colonna sonora che si è davvero complimentata con il regista.

* "ha detto che la Universal non gli avrebbe permesso di fare la colonna sonora" * - Grazie per la risposta. Puoi confermarlo in qualche modo (forse dove hai visto questa intervista, era un documentario o un'intervista dal vivo?), Poiché sarebbe un'informazione completamente nuova.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...