Domanda:
Perché il personaggio di Bruce Willis nel sesto senso non è consapevole di sé?
Lauren
2011-12-02 05:19:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Perché il personaggio di Bruce Willis non si rende conto che è morto?

Se ricordo bene, la trama si svolge diversi mesi dopo la sua morte. Non dovrebbero esserci stati degli indizi in quel periodo? Significa che pensa che sua moglie non gli stia parlando perché è arrabbiata, ma è davvero possibile che fosse l'unica persona con cui si aspettava di interagire?

Inoltre, sembra che tutti gli altri fantasmi nel film sappiano di essere morti. Quindi forse un'altra domanda sarebbe: tutti i fantasmi in Il sesto senso attraversano un "periodo di transizione" in cui non si rendono conto di essere morti? A che punto se ne accorgono?

Non credo che il signor Shyamalan ci abbia pensato molto. Probabilmente voleva piuttosto una svolta straordinaria alla fine. Domanda interessante, però.
Le persone care e il lavoro / vocazione riassumono praticamente la vita. Cosa altro c'è? Certo ci sono anche altre cose, ma quelle due sono al centro. Destra? Ci vorrà un po 'prima di cercare altrove.
Sono abbastanza sicuro che il ciclista non abbia idea di essere morto
Quattro risposte:
#1
+158
Evan
2011-12-02 08:50:34 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questa frase di Cole penso sia riassunta al meglio: "Non si vedono. Vedono solo ciò che vogliono vedere. Non sanno di essere morti".

E, a parte la ragazza che cerca di salvare sua sorella, non so se si possa dire con certezza che qualcuno degli altri fantasmi sapeva che erano fantasmi. Penso che il punto "Vedono solo quello che vogliono vedere" sia la chiave qui. In un certo senso i fantasmi stanno creando la loro realtà.

Grazie! Non ricordavo l'ultima frase della citazione di Cole. Immagino stavo solo pensando alla bambina quando ho detto "il resto di loro sembra rendersi conto ..."
Quando ho letto questa domanda ho pensato "Dannazione che ha rovinato il film anche per me" e quando ho letto la tua risposta ho pensato "No aspetta ancora uno dei più grandi film di suspense / horror / fantasmi di sempre"
Penso che questo punto avrebbe dovuto essere accennato anche agli esseri umani viventi che altrettanto bene tendono a vedere solo ciò che scelgono di vedere - mentre questa non è necessariamente una decisione del tutto consapevole.
Ma almeno pensano i fantasmi, e quindi esistono, almeno nell'universo di Descartes
Buona risposta - tranne quando si considera il giorno o tre dopo la morte del personaggio di Bruce Willis ... non ci sarebbero fiori, memoriali, ecc. Intorno a casa sua? Non avrebbe visto sua moglie essere depressa per un po '? Non l'avrebbe trovato strano? A meno che il rifiuto "vedono solo quello che vogliono" può andare * così lontano *. Questa risposta funziona, ma per me c'è ancora un buco nella trama piuttosto grande.
@BruceWayne Solo se assumiamo che essere un fantasma è proprio come essere vivi, inclusa la continuità del tempo. Ha più senso se lo immagini più come essere in un sogno, dove ci sono spazi vuoti, salti e cambiamenti tra tempi e luoghi, ma non sembra. I fantasmi vedono solo ciò che vogliono vedere e * noi * vediamo solo ciò che vedono: quando vediamo un taglio di una scena e presumiamo che ci sia stato un riempimento saltato in cui il personaggio di Bruce cammina per alcune strade, va in bagno, compra e beve una bottiglia d'acqua, saluta il negoziante, ecc. ecc., In realtà non c'era * niente * prima.
#2
+20
Duminda Rathanayaka
2012-04-06 15:47:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Vengo dallo Sri Lanka e l'idea che i fantasmi non siano consapevoli del fatto che sono morti non è del tutto aliena qui. Sono abbastanza sicuro che Shyamalan fosse a conoscenza di questi tipi di miti.

#3
+10
Flater
2017-01-27 17:41:56 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Da quello che ricordo del film (e di altri film simili), viene spesso sottolineato che i fantasmi che il bambino vede sono l'anima / gli spiriti di persone che non hanno ancora accettato la loro morte o che hanno ancora qualcosa da realizzare in questo mondo.

  • La ragazza aveva bisogno di mostrare a suo padre che la sua (matrigna?) madre la stava avvelenando.
  • La nonna di Cole voleva dire alla madre di Cole qualcosa di importante (che alterare drasticamente i sentimenti della madre di Cole nei confronti di sua madre).
  • La ciclista è stata presumibilmente uccisa all'impatto (data la ferita alla testa) e quindi non si è mai resa conto di essere morta. Sembrava sconcertata dalle persone che non la guardavano, quindi probabilmente stava per rendersi conto di essere morta.

E per il personaggio di Bruce Willis, aveva bisogno sia di accettare che di capire la sua morte. Non poteva accettare la realtà della sua morte e quindi resistette.

Essere un fantasma nel mondo reale è simile all'essere in purgatorio. Sei lì finché non finisci ciò che deve essere finito. Anche se per i fantasmi nel mondo reale, è spesso più volontario (lo spirito sceglie di non andare avanti), piuttosto che forzato.

#4
-2
Felix_ro
2019-04-15 13:08:26 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Aggiungerei anche alla risposta che @Evan dà che l'idea di base dei fantasmi che sono ancora intorno ad altre persone (da qui lo stato / nome "fantasma"), è che sono persone che non si sono rese conto di essere morte, e ancora si comportano come farebbero normalmente.

Un altro GRANDE film con questo esempio è Passengers (2008) con Anne Hathaway https://www.imdb.com/title/tt0449487 che suggerisco tutti a guardare; per me è stata una rivelazione, e di sicuro c'era molto più "anima", "emozioni" e "relazioni" rispetto al Sesto senso.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...