Domanda:
È possibile avere elettronica non metallica?
John Smith Optional
2015-08-29 03:14:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Uno dei fiori all'occhiello di MI: RN è un tentativo di Ethan Hunt di immergersi in apnea (ovvero nuotare senza un apporto di ossigeno ausiliario) in un computer raffreddato ad acqua.

La necessità dell'immersione in apnea è predetto con il pretesto che i sensori rileveranno "qualsiasi metallo" (nota che non stiamo parlando solo di non conduttivi o non ferrosi, ma qualsiasi metallo ) che passa attraverso l'aspirazione.

Con questo in mente, come è possibile per Ethan avere un'interfaccia elettronica incorporata nella sua tuta, che indica la sua riserva di ossigeno rimanente?

enter image description here

Sebbene sia un componente relativamente semplice, è possibile creare tale elettronica senza l'uso di metalli?

È basata su una tecnologia esistente?

Una risposta:
#1
+7
cde
2015-08-29 03:55:21 UTC
view on stackexchange narkive permalink

I circuiti non metallici sono possibili, ma per lo più improbabili a livello pratico o di consumo. È relativamente nuovo.

La prima parte è già utilizzata dai consumatori. Gli OLED, i diodi organici a emissione di luce sono una tecnologia per schermi non metallici. Può essere organico o a base di polimeri.

Il secondo è ORB, Organic Radical Batteries o una versione / tecnologia più recente, Organic Redux Flow Batteries. Ancora una volta organici o basati su polimeri.

Il terzo è gli ICP, polimeri a conduzione intrinseca, utilizzati come materiale conduttivo (fili o tracce). Esistono anche conduttori tradizionali non metallici, come la grafite (mina).

Infine OFets, transistor organici a effetto di campo. I transistor sono il cuore di qualsiasi circuito integrato.

Sebbene Mission Impossible utilizzi chiaramente idee fittizie avanzate (fantascienza al limite), un circuito elettrico non metallico non è impossibile.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...