Domanda:
Qual è stato il primo film distribuito in massa che utilizzava il "bullet time" simile a Matrix?
DVK
2012-01-26 06:28:43 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Una delle cose per cui Matrix era famosa era la cinematografia "bullet time".

Sono abbastanza sicuro che, sebbene sia stata la prima a utilizzare il tecnica ampiamente ed è diventato famoso per questo, non è stato il primo a crearla per la prima volta.

Quindi, quale film uscito in massa l'aveva aperto?

  • Deve aver avuto un'ampia uscita nelle sale, ad esempio in> 500 cinema negli Stati Uniti o in un altro paese per più di una settimana.

    Se ci sono definizioni ufficiali del mondo cinematografico di rilascio di massa, sono disposto a usare quella: ne ho appena inventata una per mancanza di qualcosa di meglio.

  • Deve essere un film live-action (non animato).

  • Non deve essere necessariamente un film americano

  • Preferisco decisamente se c'è qualche fonte "professionale" che riconosce che la tecnica utilizzata nel film è effettivamente la stessa del "bullet time" di Matrix (ad esempio una pubblicazione professionale, o almeno un blog specializzato ben considerato)

Ho letto in giro e l'uso di fotocamere fisse per catturare una sequenza di immagini fisse attorno a un soggetto è stato apparentemente introdotto per la prima volta in quel video musicale Accept, ma il primo film a metterlo in CGI e renderlo un movimento senza interruzioni sembra essere Matrix . Perché sei "abbastanza sicuro" che non sia stato il primo?
@iandotkelly - a causa di un uso così diffuso in Matrix. Di solito non si applica una tecnica nuova e non testata su un prodotto importante, almeno non nell'ingegneria del software
Un punto interessante - ma IMHO penso che forse sia vero il contrario, i film ad alto budget sono spesso i pionieri delle nuove tecniche - hanno budget per provare un'idea e un piano di riserva se non funziona come sperano. Richard Edlund (http://en.wikipedia.org/wiki/Richard_Edlund) ha migliorato notevolmente le tecniche dello schermo blu mentre lavorava su Star Wars, Battlestar Galactica e The Empire Strikes back.
@DVK: c'è un documentario sull'effetto bullet-time nel bonus del DVD di Matrix. Nella mia memoria, hanno affermato di aver sviluppato la tecnica per il film.
Due risposte:
#1
+25
Hugo
2012-01-27 18:52:49 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Definisci il bullet time come schivare i proiettili al rallentatore o come l'effetto di rotazione di più telecamere in un arco?

C'è una scena al rallentatore nel primo film di Blade dove puoi vedere i proiettili che si muovono nell'aria, dando al bersaglio abbastanza tempo per reagire e spostarsi. Blade è uscito nel 1998, un anno prima di The Matrix .

È nella scena di Chinatown dove Deacon Frost ha catturato una bambina, a circa 2 m45 in questa clip di YouTube (spiacente è in squashovision 4: 3).

L'effetto di rotazione lenta può essere trovato in Lost in Space (anche 1998) quando entrano in hyperdrive (circa 1 minuto e 20 in questa clip).

Non un film, ma un effetto spinny simile a The Matrix il momento del proiettile può essere visto nel video musicale di Michel Gondry per Like a Rolling Stone dei Rolling Stones.

Notevole anche (ma non film), The Campanile Movie :

"un cortometraggio diretto da Paul Debevec realizzato nella primavera del 1997 che utilizzava immagini tecniche di modellazione e rendering dalla sua tesi di dottorato per creare la cinematografia virtuale fotorealistica del campus della UC Berkeley. "

" Quando ho visto il film di Debevec, sapevo che era quella la strada. "
- - Supervisore agli effetti visivi John Gaeta, WIRED 1 1.05.

George Borshukov, studente del Master del progetto Campanile, è stato assunto da Manex Entertainment, dove lui ei suoi colleghi hanno applicato le tecniche di cinematografia virtuale del Campanile Movie per creare alcune delle riprese più memorabili del film del 1999 The Matrix .

L'articolo Wired collegato su The Matrix si riferisce a entrambi:

Andiamo avanti velocemente fino all'inizio degli anni '90, quando un altro francese, Arnauld Lamorlette, direttore di R&D per la società di design BUF Compagnie, affrontò un problema simile a quello di Laussedat. I clienti industriali che esaminano gli edifici alla ricerca di difetti strutturali avevano bisogno di vedere Parigi dall'alto. Lo spazio aereo parigino, tuttavia, è strettamente controllato; gli aerei non militari possono sorvolare la città solo il giorno della presa della Bastiglia. Lamorlette ha scoperto che trasformando due fotografie, poteva generare un modello 3-D: la fotogrammetria digitale. La BUF ha utilizzato la tecnica per aiutare il regista Michel Gondry a creare un video musicale per i Rolling Stones. I suoi movimenti radicali della telecamera - sfrecciare attraverso una stanza piena di festaioli congelati a metà del movimento - hanno fatto scalpore in Europa. (BUF ha utilizzato questo metodo anche per creare un annuncio Gap chiamato "Khakis Swing" che è stato il primo assaggio dell'effetto da parte della maggior parte degli americani.)

Gaeta e Kim Libreri hanno potenziato questa tecnica per The Matrix : attivando una serie circolare di 122 fotocamere in sequenza, sono stati in grado di simulare l'azione di una cinepresa a velocità variabile che ha seguito completamente il soggetto. Poiché le fotocamere situate su un lato dell'array erano visibili a quelle sull'altro lato, tuttavia, avevano anche bisogno di un modo per generare al computer set fotorealistici in modo da poter dipingere le fotocamere fuori dall'inquadratura.

Gaeta trovò la risposta nel 1997, alla convention annuale sugli effetti visivi Siggraph, dove vide un cortometraggio di Paul Debevec, George Borshukov e Yizhou Yu intitolato The Campanile Movie . Il film - un cavalcavia del campus della UC Berkeley - è stato generato interamente da fotografie. Come i cartografi del XIX secolo, Debevec e il suo team hanno ricavato le forme e i contorni precisi del paesaggio triangolando le informazioni visive nelle fotografie. Quindi hanno generato modelli 3-D basati su questa geometria, ma invece di applicare trame generate al computer ai modelli, li hanno avvolti con fotografie degli edifici stessi. Il trucco ha funzionato in modo spettacolare. Invece di somigliare a qualcosa di Toy Story , gli edifici e le colline circostanti in The Campanile Movie sembravano assolutamente reali.

Ed ecco la pubblicità di Gap "Khaki Swing" del 1998.

#2
+9
Stefan
2012-06-22 03:45:37 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che il primo uso registrato del bullet time sia stato in Kill and kill di nuovo nel 1981.

Ecco un collegamento alla voce wiki: http://en.wikipedia.org / wiki / Kill_and_Kill_Again

Ecco un riassunto di ciò che wiki dice al riguardo:

Kill and Kill Again è un film d'azione sudafricano / americano del 1981 degno di nota per essere stato il primo film live-action a utilizzare gli effetti visivi noti come bullet-time. È un sequel di Kill or Be Killed (1980). Girato a Sun City, in Bophuthatswana, il film ha un approccio più ironico alla commedia rispetto al suo predecessore.

La scena del proiettile avviene alla fine, quando Marduk è morto e la sua guardia del capo sta per uccidere il dott. . Kane mentre Steve si arrampica all'esterno dell'edificio in cui si trovano. La guardia spara con la sua pistola (a 1:36:10) e il proiettile esce molto lentamente e si sposta sullo schermo in una versione iniziale riconoscibile (ma a basso budget) della famousscene in Matrix. Dopo dieci secondi in cui il proiettile ha attraversato la stanza, Steve Chase è salito sull'edificio, è entrato nella stanza e ha deviato il proiettile con un posacenere di metallo.

Questo "Bullet-Time-Slice a budget molto basso" "La sequenza è stata ottenuta in modo molto semplice, nella fotocamera, senza effetti di post-produzione. Il primo colpo del proiettile che esce dalla canna del fucile è stato sparato in primo piano, con la canna rimossa dal telaio della pistola bloccata puntata verso il basso ma anche con la telecamera girata su un lato, inquadrando la canna orizzontalmente, ma puntando verso il basso verso il pavimento. (Se visto "in posizione verticale", questo sembrerebbe indicare il soggetto in modo non corretto.) Un proiettile, di diametro più piccolo dell'interno della canna, è stato poi fatto cadere attraverso il barile insieme a uno sbuffo di fumo da una sigaretta. Il colpo di proiettile e fumo è stato filmato a 120 fps per creare l'effetto desiderato.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...